Festa cioccolato Ancona

Cioccolata Ancona

Festa Cioccolato Ancona

 

ChocoMarche

Un fiume di cioccolata Parola d’ordine: cioccolato. Energico, ricco, afrodisiaco, rivitalizzante e puro. Il “cibo degli dei” torna a far gola ad Ancona. Dal 21 al 23 novembre sarà festa per i golosi di qualità. ChocoMarche, la manifestazione organizzata da Confartigianato in collaborazione con il Comune di Ancona, Camera di Commercio, Slow Food e Confcommercio, con il patrocinio della Provincia e sotto la regia di Danilo Freguja, torna per il secondo anno consecutivo. Non sarà il “salotto buono” della città ad ospitare, questa volta, la “gustosa” manifestazione che ha contato, l’anno precedente, più di 35.000 presenze, ma la più spaziosa Piazza Pertini sotto una tensostruttura antipioggia. “Prenderemo la gente per la gola – ha detto il presidente della Confcommercio della provincia di Ancona, Vladimiro Belvederesi, alla conferenza stampa di presentazione – ma all’insegna della qualità e della tutela del consumatore”. Dunque, cioccolato ma quello “vero”, come lo chiamano gli esperti, con il burro di cacao, per intenderci e senza imbattersi in OGM. Che non subisce alcuna crisi. Ma come nasce? Come si trasforma? Nella maratona di tre giorni si potrà assistere a esibizioni di “mastri” pasticceri e cioccolatieri (700 in tutta la regione) che dalla materia prima realizzeranno le mitiche barrette o creeranno prelibatezze dalle forme stravaganti in dei veri e propri laboratori; si potranno degustare “diavolerie” in nome del sublime alimento intrecciato ad aromi piacevoli ed originali: al rum, all’anice, alla rosa e persino al peperoncino. Il programma prenderà vita già nella serata di giovedì 20, quando al Rosso Agontano sarà allestita una cena a base di birra e cioccolato. Venerdì appuntamento al Fortino Napoleonico con “Variegato di mare al cioccolato” che vedranno il “re” dell’iniziativa “sposarsi” con il pesce. Per rendere più accessibile la manifestazione saranno, anche se è ancora da confermare, a disposizione aree per le auto.

Si parla del Parcheggio Villarey e una zona al Porto, oltre ovviamente al parcheggio sottostante Piazza Pertini. Un’ultima raccomandazione arriva direttamente dall’ambasciatore del cioccolato Danilo Fresuja presente all’incontro stampa: “Rinforzate il pavimento”!

festa cioccolato ancona

Scatto Flessibile Ancona – Al di là delle nuvole

al di là delle nuvole, scatto flessibile

Scatto Flessibile Ancona – Al di là delle nuvole

 

Al di là delle nuvole, incontri alla Facoltà di Ingegneria, Ancona, 8-27 novembre 2013

Da venerdì 8 a venerdì 27 novembre gli appassionati di fotografia non potranno perdere Al di là delle nuvole, incontri di fotografia naturalistica, tecnica e alpinismo con Fausto De Stefani.

Il meeting fotografico sarà ospitato dalla Facoltà di Ingegneria dell’Università Politecnica delle Marche, aula G2 a quota 145 (via Brecce Bianche).

Ecco il programma degli incontri di Al di là delle nuvole: 

Venerdì 8 novembre
ore 18.30 Stage a cura di Onnik Pambakian e Marco Urso La tecnica al servizio del fotografo
ore 20.00 Intervallo
ore 21.00 Incontro con Marco Urso, fotografo e naturalista

Venerdì 15 novembre
ore 18.30 Stage a cura di Roberto Anselmi Digital Workflow Expert e Francesco Flamini Dallo scatto alla stampa
ore 20.00 Intervallo
ore 21.00 proiezione del film documentario Al di là delle nuvole con Fausto De Stefani, fotografo e alpinista

Venerdì 22 novembre
ore 18.30 Stage a cura di Andrea Angeli Timelapse Photography
​ore 20.00 Intervallo
ore 21.00 Stage a cura di Andrea Angeli Timelapse Photography

Venedì 29 novembre 
ore 18.30 Stage a cura di Cristian Fattinanzi Ritratti celesti
ore 20.00 Intervallo
ore 21.00 Incontro con Gianni Neroni e Lorenzo Spernanzoni Luce Sibillina

Prenotazione obbligatoria e info sulle serate: http://www.scattoflessibile.altervista.org.
L’iscrizione non è in alcun modo impegnativa, serve unicamente a conoscere il numero delle persone potenzialmente interessate a partecipare agli incontri.

Gli incontri sono a ingresso gratuito.

L’evento è patrocinato da C.A.I. Ancona, Circolo Fotografico Scatto Flessibile, Crua, Digital Workflow Expert​ Roberto Anselmi.

Potrebbe interessarti:http://www.anconatoday.it/eventi/al-di-la-delle-nuvole-universita-ingegneria-ancona-8-27-novembre-2013.html
Seguici su Facebook:http://www.facebook.com/pages/AnconaToday/269258656438884

Teatro delle Muse Ancona

Teatro delle Muse
13 novembre 2013
Teatro Sperimentale
musica
17 nov. – 1-20 dicembre 2013
Ridotto del Teatro
rassegne
dal 20 al 24 novembre
Teatro delle Muse
teatro
23 novembre 2013
Teatro Sperimentale
eventi
dal 27 nov. all’1 dicembre
Teatro Sperimentale
teatro
4 dicembre 2013
Teatro delle Muse
danza
dal 4 all’8 dicembre
Teatro Sperimentale
teatro
5 dicembre 2013
Teatro delle Muse
danza
8 dicembre 2013
Teatro delle Muse
eventi
dal 12 al 15 dicembre
Teatro delle Muse
teatro
19 dicembre 2013
Teatro delle Muse
musica
21 e 22 dicembre 2013
Teatro delle Muse
teatro
dal 15 al 19 gennaio 2014
Teatro Sperimentale
teatro
26 gennaio 2014
Teatro Sperimentale
musica
19 febbraio 2014
Teatro delle Muse
musica
28 febbraio 2014
Teatro Sperimentale
musica
dal 13 al 16 marzo 2014
Teatro delle Muse
teatro
13-16-20-23 marzo 2014
Teatro Sperimentale
musica
dal 20 al 23 marzo 2014
Teatro delle Muse
teatro
dal 27 al 30 marzo 2014
Teatro delle Muse
teatro
4 aprile 2014
Teatro delle Muse
musica
dal 10 al 13 aprile 2014
Teatro delle Muse
teatro
9 maggio 2014
Teatro delle Muse
musica

Il Teatro delle Muse di Ancona è, tra i teatri in cui attualmente si tengono stagioni liriche, il 13° in Italia per capienza; è inoltre il più grandeteatro delle Marche[1]. Si trova nel centro della città, nei pressi di uno degli ingressi principali del porto. Vi si svolge una stagione operistica e diballetto, una di musica sinfonica, una concertistica, una di prosa, oltre ad una rassegna jazz.

Nel timpano è presente un bassorilievo dello scultore neoclassico Giacomo De Maria in cui sono raffigurate le nove Muse, dalle quali il teatro prende il nome. Tra le muse è rappresentato anche Apollo, dio delle arti, e Palemone, dio dei porti. Il significato iconografico del timpano è quindi che le Muse lasciano saltuariamente la loro dimora sul Parnaso (che si intravede nello sfondo) per visitare il teatro di Ancona, posto sulle rive del porto (simboleggiato da Palemone appoggiato alla poppa di una nave classica).

All’interno dell’edificio è presente anche un ridotto da 180 posti.

Mole Vanvitelliana Ancona

Mole vanvitelliana Ancona

Mole Vanvitelliana Ancona

 

ANCONA – Dal 26 ottobre 2013 al 19 gennaio 2014 nelle sale del Museo Tattile Statale Omero, presso la  Mole Vanvitelliana di Ancona, sarà ospitata la mostra “Amazzonia Se tu fossi Indio”.Una mostra antropologica e multisensoriale ideata per immergersi nella vita quotidiana dei popoli della foresta amazzonica attraverso suoni, immagini, oggetti e impressioni tattili. Il percorso, curato da Leandra Gatto, esporrà i materiali originali dalle collezione privata del dottor Aldo Lo Curto, che da molti anni opera in Amazzonia come medico volontario itinerante.

L’inaugurazione è prevista per sabato 26 ottobre alle ore 17,30. Interverranno il Presidente del Museo Tattile Statale Omero, Aldo Grassini, la curatrice della mostra,Leandra Gatto, il Presidente della ONLUS Time for Peace Marche, Sandro Cittadini e il direttore del Museu do Indio (Rio de Janeiro – Brasile) in videoconferenza. Seguirà il laboratorio per bambini e famiglie “Se tu fossi indio”.

La mostra, promossa dal Museo Tattile Statale Omero, intende rendere protagonista il visitatore che potrà interagire direttamente con gli oggetti: l’invito è “a capovolgere il punto di vista ed osservare le cose dalla parte dell’Indio”, entrando “dentro questo universo così ricco e così diverso dal nostro”.

L’allestimento, a cura dell’architetto Massimo Di Matteo, prevede l’esposizione tematica di circa 75 oggetti etnografici, dai manufatti ai prodotti naturali dell’ambiente amazzonico, che illustrano aspetti e attività peculiari della vita quotidiana dei nativi tenendo in considerazione le differenze culturali che caratterizzano questa vasta area. Fra gli oggetti: giocattoli in legno e caucciù che rappresentano animali tipici del luogo come tucani, delfini, scimmiette; ornamenti come corone di piume per adulti e bambini, braccialetti in osso e legno,armi come archi, lance e frecce, scettro sciamanico e bastone della pioggia per le cerimonie, strumenti musicali come maracas e molto altro. Seguono due percorsi fotografici, “Se tu fossi Indio” e “I bambini dell’Amazzonia”,   accompagnati dai testi descrittivi del dott. Aldo Lo Curto e un video sulla sua attività di medico volontario.

La mostra, realizzata in collaborazione con Associazione “Per il Museo Tattile Statale Omero” Onlus, Time for Peace Marche, Soconas Incomindios (Comitato di solidarietà dei nativi americani), Museu do Indio – Funai (National Indian Foundation – Rio de Janeiro, Brasile), intende anche sollecitare l’interesse sugli aspetti culturali, sociali e spirituali dei popoli dell’Amazzonia, mostrandoli senza paternalismi né pietismi, per contribuire alla loro difesa. L’esposizione offre vari spunti di riflessione sulle problematiche che coinvolgono la loro vita ma anche la nostra stessa esistenza.
L’ingresso è  libero. Sono in programmazione incontri mensili di approfondimento su alcune tematiche inerenti la mostra, come diritti umani, deforestazione e sviluppo sostenibile.
I Servizi Educativi del Museo Omero, con la collaborazione della curatrice Leandra Gatto, organizzano visite guidate e laboratori didattici per gruppi e scuole. Prenotazione obbligatoria. Costo di 3 euro a persona, esclusi disabili, docenti e accompagnatori.

capodanno ancona 2014

capodanno ancona 2014

Ristorante La Terrazza resterà aperto a cena senza il classico cenone. 

 

Capodanno Ancona 2014

 

Per i giovani, ma non solo, i locali notturni e le discoteche sono una scelta da non dimenticare. Nella città anconetana si possono infatti trovare tanti locali notturni Ancona e tante discoteche Ancona per capodanno, dove passare tutta la notte ballando con gli amici o con il partner, oppure conoscendo nuove ed interessanti persone.

 

Il capodanno in discoteca ad Ancona e nei locali notturni rappresenta sempre una delle scelte più classiche che si possano fare per passare l’ultima notte dell’anno ad Ancona e in tutte le città italiane.

 

Tra i locali più belli dove poter passare l’ultimo dell’anno ci sono il Mega, che si trova lungo la strada provinciale Arceviese al Km. 9. E’ un disco pub dove potrai sentire il calore ed il ritmo della musica latino americana. Ottimo locale per gli amanti del genere, con un atmosfera decisamente coinvolgente sotto ogni punto di vista.

 

Sono sempre tantissimi i giovani e i meno giovani, che scelgono di uscire di casa nel pomeriggio del 31 dicembre per fare un giro, poi andare al cenone di Capodannoper gustare i prodotti tipici di Ancona (oltre che quelli dell’intera regione Marche e i classici immancabili come zampone e lenticchie) e, dopo cena o addirittura dopo i fuochi d’artificio di mezzanotte, recarsi in un locale notturno o in una discoteca per ballare fino al mattino.

 

Le discoteche di Ancona per capodanno offrono diversi pacchetti e offerte per festeggiare il capodanno nel migliore dei modi. Alcune discoteche offrono pacchetti ristorante più discoteca tutto compreso, altre discoteche invece optano per lacena e il dopo cena tutto all’interno dello stesso locale, magari con cene più economiche e meno abbondanti, offrendo dei buffet di qualità e di quantità soddisfacente.

MatsuTakakoNoFan

MatsuTakakoNoFan

Il viaggiatore sociale

Social traveller vediamo di cosa si tratta:

MatsuTakakoNoFan youtuber e social traveller ci è venuto a trovare 

 

 

 

Il ‘Viaggiare Sociale’, o ‘Social Travel’, è un modo di intendere e di organizzare il viaggio come un’esperienza collettiva, condivisa, sociale appunto.

Un’esperienza che si prepara prima della partenza vera e propria, attraverso i Social Network (di qui l’appellativo di ‘sociale’) e i numerosi servizi online per crearsi una rete di contatti e di amicizie nel luogo dove si è scelto di andare, e che si continua a vivere una volta arrivati a destinazione, con il racconto online del proprio viaggio. Basti solo pensare che l’85% dei viaggiatori usa i Social Network quando è in viaggio e il 70% di loro mette le proprie foto su Facebook.

Se a questo si aggiunge che ogni giorno, in Rete, sono aperti 172.800 nuovi blog, con una incredibile media di 2 al secondo, non è difficile intuire che il Social Travel è il segno di un cambiamento culturale importante.

Il profilo tipo del ‘viaggiatore sociale’, o ‘social traveller’, è facilmente definibile: innanzitutto strizza l’occhio al low budget, confrontando offerte, prezzi e opinioni su voli, sistemazioni, biglietti di aerei, treni e navi. Non per forza per mancanza di mezzi, ma perché è consapevole di poter trovare, grazie ai viaggiatori attivi sul Web, il meglio a meno!

E’ un viaggiatore che desidera immergersi nei luoghi dove andrà: sceglie una sistemazione locale e non turistica – i più sono iscritti a Couchsurfing, il più grande portale per scambiarsi ospitalità -, non cerca ‘cornetto e cappuccino’ appena sveglio ma è pronto anche al più ardito piatto – che poi posterà su Pinterest o su Instagram – e, se è uno tra i viaggiatori sociali più ‘navigati’, sa che esiste un social network, New Gusto, per andare a pranzo a casa di chiunque nel mondo.

La ‘sublimazione’ del viaggiare sociale è raggiunta in loco: il social traveller si sente quasi in dovere di condividere tutte le esperienze fatte in viaggio, quelle eccezionali e positive – un luogo nascosto, un museo inaspettato, un buon piatto, un’offerta da non lasciarsi scappare – così come quelle negative – un pessimo ristorante, un ostello senza collegamento a Internet, un prezzo troppo alto -, per evitare che qualcun altro le ripeta, secondo quello spirito di condivisione e di aiuto reciproco che i nomadi digitali hanno fatto proprio.

 

Brodetto all’Anconetana

Brodetto all'Anconetana
Brodetto all'Anconetana

Brodetto all’Anconetana

Brodetto all’Anconetana

Un pranzo di mare, sulla costa marchigiana, deve necessariamente aprirsi con il brodetto che i pescatori di Ancona usavano preparare mettendo insieme le varietà di pesce più saporite e adatte alla zuppa. In effetti il brodetto all’anconetana è un simbolo per la cucina tipica delle Marche, ma anche un perenne oggetto di contesa. Ne esistono numerose varianti e, a ben vedere, ogni città di mare rivendica la sua versione di questa zuppa di pesce molto speciale, più densa e saporita del comune, che può benissimo fungere da piatto unico anziché da antipasto. Da Fano a Porto Recanati, da Civitanova a San Benedetto del Tronto e via discorrendo… In pratica è possibile gustare un brodetto diverso in ogni porto. Spartiacque della tradizione è il Monte Conero: a nord, fino a Pesaro, il brodetto si insaporisce con i pomodori; a sud, verso l’Abruzzo, si preferisce solitamente la zafferanella, uno zafferano selvatico che cresce dalle parti di Porto Recanati, città che dà il nome alla variante “recanatese”.

Ma la ricetta più antica, la tradizione più radicata, di cui ogni chef giura di conoscere il segreto, è certamente quella di Ancona, che si tramanda immutabile di generazione in generazione. Pare che i cuochi anconetani sottopongano i loro aiutanti a un formale atto di giuramento affinché non rivelino mai gli accorgimenti capaci di conferire un tocco di unicità alla più classica zuppa dell’Adriatico centrale.

Ai non adepti basti sapere che, in ossequio a una tradizione che affonda le sue radici nei riti della Settimana Santa, le varietà di pesce del Brodetto all’Anconetana devono essere 13 come i partecipanti all’Ultima Cena. Qualcuno sottolinea anche la corrispondenza numerologica con le 13 cannelle che sporgono dalla Fontana del Calamo, un bel monumento cinquecentesco che si incontra passeggiando per Corso Mazzini, nel capoluogo marchigiano. Queste, in linea di massima, le direttive da seguire nella preparazione del brodetto all’anconetana per sei persone: la scelta del pesce  deve ricadere, in omaggio alla tradizione, sulle varietà che abbondano nel braccio di mare antistante Ancona.

Tra queste non possono mancare specie come lo scorfano, il rombo, il cefalo, la sogliola, gli scampi, il pesce prete, la triglia, il pesce ragno, il merluzzo, la testola, calamari seppie ecc…

In un coccio (la terracotta è preferibile al metallo dei comuni tegami) si mette a rosolare una cipolla sottile con una costa di sedano e una carota tritati, in olio extravergine d’oliva e un po’ d’acqua. Quindi si aggiungono un battuto di aglio e prezzemolo, lo scorfano, i pomodori pelati a pezzetti (mezzo chilo è più che sufficiente), sale e pepe. Una volta cotto, lo scorfano va passato al setaccio e rimesso a cuocere con le altre varietà di pesce che saranno aggiunte gradualmente, cominciando con seppie e calamari, a seconda del tempo di cottura necessario. Al primo bollore, si dà una spruzzata d’aceto e si lascia sul fuoco per circa venti minuti. Quando il sugo è ben denso è il momento di spegnere e lasciare il recipiente coperto per qualche minuto. È buona norma tenere la fiamma bassa e accertarsi che il pesce sia sempre del tutto coperto dal sugo. Il modo migliore per servirlo è accompagnarlo co delle fette di pane casereccio abbrustolito e accarezzato con dell’ aglio. Nulla vieta, tuttavia, che la zuppa sia usata come condimento per la pasta. In questo caso basterà omettere l’aceto e spegnere un po’ prima, in modo da assicurarsi una minore densità.
Una pietanza saporosa come il brodetto lascia ampi margini di manovra nell’abbinamento con il vino: il bianco non è un obbligo come per quasi tutti i piatti di pesce, ma può essere degnamente rimpiazzato da un rosso fresco un Rosso Conero o da una Lacrima di Morro d’Alba. Come vino bianco il celebre Verdicchio di Jesi.

http://www.anconanostra.com/

Ferruccio Marchetti

El burdeto (1)
dal volume “Il vernacolo anconitano” di Mario Panzini


Che serata che ieri emo (2) passata
ale Grazie, 
(3) lassù da Sorentino! (4)
Figùrete, c’è stata ‘na magnata
d’un piato, fiolo mio, de burdetino

da fate lecà i bafi per do’ mesi!
C’era le sepe, (5) c’era j’ arganeli, (6)
certe inguile 
(7) e merluzi, cjavea mesi,
che nun te posso di quant’era beli!

Te me dirai: Ma che discorsi fai?
Cosa ce vieni adesso a racontace,
se ‘l burdeto nun l’hai magnato mai

e j dito (8) sempre che a te nun te piace?
È vero, scì, ‘j ragiò; ma oramai
dopo de jeri, emo rifato pace!

(2 luglio 1931)

1) brodetto di pesce
2) abbiamo
3) il Rione a sud-ovest di Ancona
4) Leopoldo Sorrentino aveva allora la fama degli odierni Carloni e Miscia
5) seppie
6) piccoli scampi
7) anguille
8) hai detto

CONGRESSO AAITO ancona

CONGRESSO AAITO ancona

 

Congresso AAITO Ancona – Associazione Allergologi Immunologi

CONGRESSO AAITO ancona

CONGRESSO AAITO ancona

 

INFORMAZIONI SCIENTIFICHE

Crediti di Educazione Continua in Medicina
Per il Congresso è stata inoltrata domanda di accreditamento per la figura professionale del Medico-Chirurgo e del Biologo presso la Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina (ECM) del Ministero della Salute. Il congresso ha ottenuto n° 6 crediti formativi ECM.

Per ottenere i crediti sarà necessario:

  • compilare la Scheda di Valutazione, il Questionario di Apprendimento e la Scheda Recapiti Partecipanti che troverete all’interno della borsa congressuale;
  • partecipare nella misura del 100% ai lavori scientifici previsti
  • firma di ingresso e di uscita

 

I corsi del giovedì mattina saranno accreditati separatamente e daranno diritto ai seguenti crediti ECMaggiuntivi:

  • Gli scettici e gli immunodeficit: Carneade! Chi era costui? 2 crediti
  • L’Asma a tutto Tondo: dalla funzione…   2 crediti
  • L’allergologo nella gestione delle allergie ed intolleranze alimentari    2 crediti
  • Test di attivazione dei basofili: applicazioni attuali e future    2 crediti
  • Allergia a farmaci: Dalle linee Guida alla pratica clinica   2 crediti
  • Diagnosi basata sul componente molecolare: quando e come prescriverla  2 crediti
  • SCIT e SLIT: gestione del paziente nella pratica clinica    2 crediti
  • L’Asma a tutto Tondo – II PARTE all’infiammazione… all’educazione     2 crediti

 

Esposizione tecnico-farmaceutica
Verrà allestita in area congressuale un’esposizione tecnico-farmaceutica che osserverà gli orari dei lavori congressuali.

Attestato di partecipazione
L’attestato di partecipazione verrà rilasciato a tutti i partecipanti regolarmente iscritti che ne faranno richiesta presso la Segreteria in sede congressuale.

Congresso AAITO Ancona – Associazione Allergologi Immunologi

CONGRESSO AAITO 2013 Ancona

CONGRESSO AAITO ancona

CONGRESSO AAITO 2013 Ancona

Mole Vanvitelliana CONGRESSO AAITO 2013 Ancona

CONGRESSO AAITO 2013 Ancona

Congresso AAITO Ancona 2013- Associazione Allergologi Immunologi Territoriali ed Ospedalieri- 24/25/26 ottobre 2013

Corsi teorico-pratici
Durante il Congresso si terranno dei Corsi di Formazione. I corsi saranno a numero chiuso max 50 persone. Per partecipare è necessario pre-iscriversi inviando un’email all’indirizzo emailaaito2013.reg@aimgroup.eu. Verrà rispettato l’ordine cronologico di arrivo delle schede.

Segreteria Organizzativa
AIMGROUPsmall
AIM Group International – Sede di Firenze
Via G. Mazzini 70 – 50132 Firenze
Tel. +39055233881 – Fax +390553906908
aaito2013@aimgroup.eu

SEDE DEL CONGRESSO
Mole Vanvitelliana
Banchina Giovanni Da Chio, 28 – Zona Porto
60121 – Ancona

Come raggiungere la sede congressuale

aereo
Ancona è servita dall’Aeroporto Internazionale “Raffaello Sanzio” di Falconara che effettua collegamenti giornalieri con i principali aeroporti italiani ed esteri.

treno
La città è servita dalle ferrovia dello stato che la collegano alle altre città.
Radiotaxi: servizio 24 ore su 24 tel.  071 281 0447

car
Autostrada A 14 con uscita al casello di Ancona.

http://web.aimgroupinternational.com/2013/aaito/informazioni-generali/

Congresso aaito 2013 Ancona

INFORMAZIONI SCIENTIFICHE

Crediti di Educazione Continua in Medicina
Per il Congresso è stata inoltrata domanda di accreditamento per la figura professionale del Medico-Chirurgo e del Biologo presso la Commissione Nazionale per la Formazione Continua in Medicina (ECM) del Ministero della Salute. Il congresso ha ottenuto n° 6 crediti formativi ECM.

Per ottenere i crediti sarà necessario:

  • compilare la Scheda di Valutazione, il Questionario di Apprendimento e la Scheda Recapiti Partecipanti che troverete all’interno della borsa congressuale;
  • partecipare nella misura del 100% ai lavori scientifici previsti
  • firma di ingresso e di uscita

 

I corsi del giovedì mattina saranno accreditati separatamente e daranno diritto ai seguenti crediti ECMaggiuntivi:

  • Gli scettici e gli immunodeficit: Carneade! Chi era costui? 2 crediti
  • L’Asma a tutto Tondo: dalla funzione…   2 crediti
  • L’allergologo nella gestione delle allergie ed intolleranze alimentari    2 crediti
  • Test di attivazione dei basofili: applicazioni attuali e future    2 crediti
  • Allergia a farmaci: Dalle linee Guida alla pratica clinica   2 crediti
  • Diagnosi basata sul componente molecolare: quando e come prescriverla  2 crediti
  • SCIT e SLIT: gestione del paziente nella pratica clinica    2 crediti
  • L’Asma a tutto Tondo – II PARTE all’infiammazione… all’educazione     2 crediti

 

Esposizione tecnico-farmaceutica
Verrà allestita in area congressuale un’esposizione tecnico-farmaceutica che osserverà gli orari dei lavori congressuali.

Attestato di partecipazione
L’attestato di partecipazione verrà rilasciato a tutti i partecipanti regolarmente iscritti che ne faranno richiesta presso la Segreteria in sede congressuale.

 

GIOVEDI’ 24 OTTOBRE

CORSI TEORICO-PRATICI

8.30-10.30

CORSO A – SALA A

Gli scettici e gli immunodeficit: Carneade! Chi era costui?
Coordinatori: G. Manfredi –  R. Ariano
– Inquadramenti degli immunodeficit  – M.G. Danieli –  C. Bartocci
– Allergia e Immunodeficit: quale relazione? –  P. Parronchi
– Immunodeficit e poliabortività: ruolo degli idiotipi ?- G. Manfredi
– Terapia degli immunodeficit-   M.G. Danieli

CORSO B – SALA B

L’Asma a tutto Tondo: dalla funzione all’infammazione…all’educazione (I PARTE)
Coordinatore F. Bonifazi
– Come interpretare correttamente una curva flusso volume –  F. di Marco
– I test di provocazione e da sforzo – D. Radovanovic 
Funzione e controllo dell’asma: la gestione della Yellow zone – L. Antonicelli

CORSO C –
 SALA C

L’allergologo nella gestione delle allergie ed intolleranze alimentari
Coordinatori: G .Munno
-Gli alimenti “Dietetici”: nuovi allergeni?- P. Minale
-La malattia celiaca e la “gluten sensitivity”-  E. Savi
-L’intolleranze agli zuccheri: come diagnosticarle e gestirle – M.T. Costantino
-La sensibilizzazione al nichel: ruolo controverso nelle allergie alimentari – S. Voltolini

CORSO D – SALA D

Test di attivazione dei basofili: applicazioni attuali e future
Coordinatori :G. Maietta – M. Martelli
-BAT: Evoluzione di una metodica –  E. Kamberi
-Ruolo del BAT nella diagnosi delle allergie alimentari  – P. Pignatti
-Ruolo del BAT nelle reazioni avverse a farmaci: dove, come, quando e perché –  G. De Leonardi
-Studio della sensibilità dei basofili come marcatore di rischio anafilattico –  G. Maietta

11.00-13.00

CORSO E – SALA E

Allergia a farmaci. Dalle Linee Guida alla pratica clinica
Coordinatori: S. Voltolini – M. Cervone
-Reazioni intraoperatorie e da mezzidi contrasto  – A. Pio
-Come gestire il paziente con intolleranza a FANS  – G. Manzotti
-La diagnostica delle reazioni da antibiotici beta-lattamici: luci ed ombre –  F. Murzilli
– Quando il farmaco è indispensabile: la  desensibilizzazione – G. Cortellini

CORSO F – SALA F

Diagnosi basata sul componente molecolare: quando e come prescriverla
Coordinatori: R. Asero – C. Lombardo
-Nelle allergopatie respiratorie e professionali  – M. Olivieri
-Nella allergia alimentare D. Villalta – B. Cinti
-Nella allergia al veleno di imenotteri – B. Caruso
-CAP-system e microarray a confronto  D. Villalta

CORSO G – SALA G

SCIT e SLIT: gestione del paziente nella pratica clinica
Coordinatori: A. Musarra – L. Muratore
-La scelta della ITS in relazione all’allergene, al prodotto e al paziente – O. Quercia
-Come prevenire e gestire le reazioni indesiderate da SCIT- M. Cilia
-Come prevenire e gestire le reazioni indesiderate da SLIT- R. Longo
-Come migliorare la compliance e l’aderenza-  S. Peveri

CORSO H – SALA H

L’Asma a tutto Tondo : dalla funzione all’infiammazione… all’educazione (II PARTE)
-Coordinatori:  Senna – G. Liccardi
-Lo studio dell’infiammazione
-L’ossido nitrico L. Antonicelli
-Biomarkers  C. Micheletto
-Aspetti gestioniali ed educazionali  M. Caminati – F. Giovannelli

14.00-17.30
SESSIONI REALIZZATE CON IL SUPPORTO EDUCAZIONALE
sessioni non accreditate

14.00-14.30 Lettura
Presidente: L. Antonicelli 
Novità nella gestione dell’asma: dalle nuove Linee Guida GINA alla pratica clinica
P. Paggiaro
con supporto educazionale di Astrazeneca

14.30-15.00 Lettura
Presidente: A. Di Rienzo Businco
Aderenza al trattamento nel paziente rinitico 
E. Savi
con il supporto educazionale di Meda Pharma

15.00-15.30 Lettura
Presidente:  F. Bonifazi
Ruolo degli inalatori nel trattamento dell’asma bronchiale
F. Lavorini (Firenze)
con il supporto educazionale di Chiesi Farmaceutici

15.30-16.30  Simposio
Omalizumab nell’asma: update 2013
-Moderatori: G E Senna -F. Bonifazi 
-Omalizumab: antiinfiammatorio a 360′? – G.W. Canonica
-Cosa ci dice la clinica – G. Moscato
-L’uso dell’Omalizumab in un nuovo modello gestionale  – F. Chieco Bianchi
-con il supporto educazionale di  Novartis Fharma

16.30-17.30 Simposio
Moderatori: G E Senna -F. Bonifazi 
Recognize symptoms – fight the cause: SIT the only curative therapy
Evidence that SIT is a long term causal treatment for AR – Ronald Van Ree
The simple use of SCIT:  Rapid up-dosing with PURETHAL  – M. Monteserat Bosque
con il supporto educazionale di Hal Allergy

17.30-18.00 Lettura
Presidente: M. Triggiani 
Gestione dell’Asma nella real life: le diverse prospettive
G.E. Senna
Con il supporto educazionale di GlaxoSmithKline

CERIMONIA INAUGURALE
Inizio Accreditamento Congresso

SALUTO DELLE AUTORITA’
Sindaco di Ancona,  Assessore alla sanità Regione Marche, Presidente Ordine Medici

18.15 – 18.30  TAVOLA ROTONDA: Allergologia sostenibile nel Sistema Sanitario Nazionale
Presidente: Dr. Senna
Moderatori: P. Galassi – F. Bonifazi

18.30 –  18.45  L’organizzazione della  Allergologia in Italia oggi e la rete AAITO come prospetttiva futura
C. Troise

18.45 – 19.00 Le reti cliniche nella regione Marche. quale ruolo per l’allergologia
P. Ciccarelli

19.00 – 19.15 Interviste sul tema a rappresentanti del mondo politico ed economico
D. Della Seta

19.15 – 19.30
LETTURA:
Moderatore: M.B Bilò
Il conflitto di interessi in medicina
M. Marinelli

VENERDI’ 25 OTTOBRE 2013

8.30-9.00

Lettura
Presidente M.B.Bilò             
Molecular mechanisms breaking allergen-specific T-cell tolerance in human subjects
M. Akdis

9.00-10.30
PECULARIETA’ DELL’ALLERGOLOGIA IN CORSIA I
L’ARTE DI LAVORARE CON GLI ALLERGENI
(Sottotitolo: Quando, se non ora?)
ModeratoriA. Antico – D. Gargano

9.00-9.20  Caratterizzare e modificare gli allergeni: il modello parietaria
P. Colombo
9.20-9.40  Metodiche di immunoterapia “veloce”con veleni: un rischio o una opportunità?
M.B. Bilò
9.40-10.00 Desensibilizzazione nella allergia alimentare
G. Longo –  L. Badina
10.00-10.20  Quando e come praticare la desensibilizzazione a farmaci
D. Bignardi
10.20-10.30  Discussione

10.30-11.00
Moderatore: S. Bonini


Lettura
“Patient Related Outcomes”: strumento di programmazione sanitaria di allergologia?
G. W. Canonica


11.00-11.30
Lettura
Moderatore:  C. Troise
Consensus ITS: condivisione di un documento tra Allegologi Italiani
A. Musarra

11.30-13.00

PECULARIETA’ DELL’ALLERGOLOGIA IN CORSIA II
IL RUOLO INTERNISTICO DELL’ALLERGOLOGO
(Sottotitolo: Chi, se non noi?)
Moderatori: S. Bonini – M. Giovannini
11.30-11.50 Patologie eosinofile gastrointestinali
G.F. Stefanini
11.50-12.10 Farmaci biologici per il trattamento delle allergopatie e dell’asma
G.E. Senna
12.10-12.30 Patologie che simulano le allergopatie: VCD
M.C. Braschi
12.30.-12.50 Il complesso mondo degli angioedemi
M. Cicardi
12.50 – 13.00 Discussione

13.30-14.30 
ASSEMBLEA SOCI AAITO
Votazioni dalle 15.30 alle 18.00, scrutinio a seguire

14.30-15.00
Lettura
Presidente: A. Ingrassia

Dopo EpidemAAITO: ulteriori pecularità della allergia alimentare in Italia
R. Asero

15.00-15.30
Lettura

Presidente : M. Zambito

Diagnosi e terapia dell’orticaria-angioedema secondo le più recenti linee guida internazionali
A. Tedeschi

15.30-19.00
SESSIONI CON IL SUPPORTO EDUCAZIONALE- NON ECM

15.30-16.00 Lettura
Presidente: G. E. Senna
Dai Trial clinici alla vita reale: come scegliere l’antistaminico giusto?
C. Lombardi
 con il supporto educazionale di Menarini e di Malesci
A. Menarini Industrie Farmaceutiche Riunite e Malesci Istituto Farmacobiologico

sessione non accreditata
16.00-17.00
Simposio
IL MEDICO DIVENTA LEADER
F. Zizzadoro – Scuola di Paolo Alto (Milano)
con il supporto educazionale di Alk Abellò

sessione non accreditata
17.00- 18.00 Simposio

“THE NEW AIT PRODUCTS FLY TO QUALITY AND BEYOND”: 
i principi dell’immunoterapia moderna
Presidente: G.E.  Senna
Moderatori: E. Savi, F. Marcucci
L’evoluzione dell’immunoterapia attraverso i prodotti: da Noon ai vaccini molecolari
G. Scala

Un nuovo allergene nell’atmosfera: la molecola
L. Cecchi

Quando l’allergene è la molecola: quale approccio diagnostico?
E. Scala

Tecnologia, ricerca e innovazione :come cresce l’immunoterapia
sessione non accreditata
I. Dell’Albani, F. Frati
con il supporto educazionale di Stallergenes Italia

18.00-18.30 Lettura
Presidente: D’Amato
Nuova sinergia tra due storiche molecole, fluticasone/formoterolo: “L’unione fa la differenza”
Di Marco
con il supporto educazionale di Mundipharma

18.30-19.00 Lettura
Presidente: G.Ronchi
L’utilizzo dei probiotici in Allergologia: luci ed ombre
M. Galimberti

Proclamazione del Nuovo direttivo

SABATO 25 OTTOBRE 2013

8.30-9.00
Lettura                                                                                                                                                                                                                                                            
Presidente: M.Beatrice Bilò
Acute asthma exacerbations in childhood – Presidente EAACI
N. Papadoupolos

9.00-10.30
ASMA BRONCHIALE: QUESTIONI APERTE
Moderatori: V. Feliziani – G. Moscato
9.00-9.15
Alterazione delle piccole vie aeree: luci ed ombre
N. A. Scichilone – S. Battaglia 
9.15-9.30
Controllo dell’asma: quali strumenti di valutazione?
P. Paggiaro- F. Dente 
9.30-9.45
Allergopatie respiratorie e vitamina D (studio AAITO)
C. Lombardi
9.45-10.00
OCCUPATION Study: una survey sull’asma occupazionale degli allergologi italiani
M. Crivellaro
10.00 – 10.15
Strategie terapeutiche di step-up e step-down
L. Antonicelli
10.15 – 10.30
Discussione

10.30-11.00
Lettura
Moderatore: M. B. Bilò
Position Paper EAACI 2013 “Food Allergy and Anaphylaxis”
A. Muraro

11.00-11.15
BREAK

11.15-11.45
Lettura
Moderatore : F.  Bonifazi
Asma grave e termoplastica
S. Gasparini – L. Zuccatosta

11.45-13.45
PECULARIETA’ DELL’ALLERGOLOGIA NEL TERRITORIO.
QUALI PROSPETTIVE FUTURE?
Moderatori: M.Galimberti – D. Bruzzese
11.45-12.05
La “Casa della salute”: un nuovo modello organizzativo anche per le patologie respiratorie?
A. Brambilla – P. M. Rodelli
12.05-12.25
Formazione allergologica del Medico di Medicina Generale: il progetto ARGA
M. D. Bresciani
12.25-12.45
L’allergologia nel privato: come riprogrammare la professione
C. Romano, MCottini
12.45-13.05
Sezione AAITO di Aerobiologia: presente e futuro
R. Ariano
13.05-13.25
L’allergologo e l’ambiente: oltre i campionatori pollinici
L. Cecchi
13.25-13. 45
Discussione

 

Plugin from the creators ofBrindes Personalizados :: More at PlulzWordpress Plugins
Optimization WordPress Plugins & Solutions by W3 EDGE